Gelo di mellone!

Foto 12-08-16, 20 18 20
Sento il mare dentro a una conchiglia,

Estate,
L’eternità è un battito di ciglia.

Ma lo sapete cos’è il gelo di mellone?! La domanda è chiaramente rivolta a chi, come me, abita nell’estremo nord est della penisola. Se infatti, questa domanda viene posta ad un siciliano… la risposta è fin troppo semplice: il gelo di mellone non è null’altro che un dolce a base di anguria, alias cocomero!!

Il benamato frutto dell’estate, che accompagna ogni festa, grigliata o cena sotto il cielo d’agosto, nel sud dell’Italia viene chiamato mellone sì, con due elle!
Tipico dolce della zona di Palermo, il gelo di mellone è a buona ragione considerato il dolce del Ferragosto!

Foto 12-08-16, 20 21 08Prepararlo è davvero semplice e veloce: basta avere dell’anguria, un po’ di zucchero e dell’amido di mais (la Maizena, per capirsi, o qualcosa di simile!).

E’ un dolce al cucchiaio del tutto simile ad un budino, ma con questo nome fortemente evocativo: gelo! Già questo basta a dare un senso di benessere e di frescura, in questa calda estate.
La prima volta che ho “incontrato” il gelo di mellone, è stato leggendo il libro “Un filo d’olio”, scritto da Simonetta Agnello Hornby. L’autrice raccontava delle sue estati d’infanzia trascorse nell’entroterra siciliano, dove appunto si preparava questo goloso dessert!
Recentemente poi, l’AIFB ha dedicato un giorno del Calendario del Cibo Italiano proprio al gelo di mellone, ed allora ho voluto sperimentarlo: è un dolce semplice e divertente!

Gelo di mellone

By 14 Agosto 2016

Foto 12-08-16, 20 18 25Ingredienti per 6 persone

  • Prep Time : 20' minutes
  • Cook Time : 5' minutes

Ingredients

Instructions

  1. Tagliare la polpa dell'anguria a dadini ed eliminare la scorza ed i semi. Mettere la polpa in una ciotola e frullarla con il minipimmer.
  2. Aiutandosi con un colino a maglie strette, filtrare la polpa. Dovrà risultare un succo bello liquido.
  3. In una pentola mettere il succo di anguria, aggiungere lo zucchero e la cannella. Poi aggiungere l'amido di mais, avendo però prima cura di setacciarlo (oppure di scioglierlo a parte in un po' di succo) in modo che non si formino grumi.
  4. Porre la pentola sul gas e, mescolando con un frustino, portare ad ebollizione. Da quando inizia il bollore, far cuocere per 5': dovrà rapprendersi.
  5. Mettere il composto nelle ciotoline o negli stampini da budino, far raffreddare e poi riporre in frigorifero.
  6. Prima di servire, cospargere con delle scaglie di cioccolato fondente.
  7. Essendo un dolce della tradizione, ci sono millemila versioni diverse: chi ci mette l'estratto di gelsomino, chi il succo di limone, chi la zuccata... questa è la mia versione.
Print

Print Friendly, PDF & Email
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

14 + 7 =