Pasta butàda con ragù ricco d’anatra alla veneta

F3C1784C-4164-4468-89C7-6D16F5D73B1B

Vi ricordate del Talent For Food ?! L’evento mediatico organizzato da Assindustria Veneto Centro che lo scorso anno mi portò alla finale di Padova (dove arrivai terza)?! Cliccate qui e qui per rinfrescare la memoria.
Ebbene: mi hanno selezionata anche quest’anno!

1417B0E5-A5ED-45BA-8B29-9CC994DC084C Il guanto di sfida è stato nuovamente lanciato a 40 foodblogger Aifb, che avranno il compito di preparare due ricette originali utilizzando ingredienti espressione della produzione veneta, ma anche attingendo alla propria tradizione culinaria locale.

Ma esattamente quali sono questi prodotti da utilizzare?! Ebbene, non c’ è che l’imbarazzo della scelta. Mi è stato recapitato a casa uno scatolone pieno zeppo di delizie: ben 24 prodotti, e che prodotti!

C’era da bere: bottiglie di proseccogingerinobirravino rossograppa ed una bottiglia di Maraschino (non-so-se-rendo!).
Ed ovviamente da mangiare: un mega prosciutto cotto, un vasetto di sottaceti, un vasetto di mostarda, un barattolone di funghi, due confezioni di pasta una di “bigoli” ed una di “risoni” ed anche la misticanza con i fiori eduli.
Per tacere dei formaggi: uno stracchino, una robiola ed un erborinato da urlo!
Non mancavano i condimenti: l’olio biologico ed il granulato. Farine di ogni tipo: la classica doppio zero, la farina bio di farro, la farina per i lievitati e persino un preparato per il pane.
C’era anche il dolce: una deliziosa veneziana e per finire il caffè!
(se passate con il mouse sopra i prodotti, potrete aprire i relativi link!).

3C6887BB-3040-4E7E-B6E8-53C8F7678BBF

Devo dire che ero tentata di allestire un banchetto semplicemente mettendo sul tavolo tutto questo bendiddio!!

2B540132-3518-4573-85B3-98630FD2A1B2 Il contest prevede la creazione di una ricetta originale (anzi due: una dolce ed una salata), nella quale utilizzare almeno cinque dei prodotti ricevuti, ma anche un animale da cortile della corte veneta e comunque attingendo alla propria tradizione culinaria.

Quest’anno ho preparato la pasta butàda con ragù ricco d’anatra alla veneta!

La pasta butàda è un piatto della tradizione triestina, laddove “butàda” letteralmente significa versata. Infatti la pasta o meglio l’impasto viene versato nel brodo o nell’acqua in ebollizione, attraverso un colapasta.
Originariamente era una pasta servita appunto in brodo e piuttosto sostanziosa, posto che nell’impasto vi erano le uova, ma anche il latte ed il burro; un piatto quindi adatto alle giornate di festa.
Questa versione della pasta butàda, è una versione asciutta che qualche anno fa ho avuto il piacere di assaggiare in un ristorante stellato dell’isontino.

1E7E343D-3964-4AE9-895C-DA5E1CFE6461

In onore al contest, ho pensato di utilizzare come condimento un ragù della tradizione veneta: il ragù d’anatra. Infatti, oltre ad essere previsto dal regolamento del contest l’utilizzo di un animale della corte veneta (ed io ho opzionato l’anatra), ho pensato anche di creare un connubio tra le due regioni creando un piatto che le valorizzasse entrambe.
Il ragù però l’ho preparato ricco, aggiungendo agli ingredienti tradizionali anche del prosciutto cotto e dei funghi.

9D808B67-B600-45ED-A1D9-47E6DADF14E0

E da bere?! Eh sì, il regolamento del contest prevede infatti che ci sia anche una bevanda (tra quelle ricevute) in abbinamento al piatto. Ebbene, avendo utilizzato il vino Wildbacher per sfumare il ragù (una sfumata… di lusso!) ho anche deciso che era perfetto per questa ricetta.

Che ne dite della ricetta?! Comunque vada questo contest è sempre un gran divertimento!

Pasta butàda con ragù ricco d'anatra alla veneta

By 1 ottobre 2018

D5EE9098-35DA-4DE9-B7A0-518DB1F086EC Ingredienti per 4 persone

  • Prep Time : 1h 30 min
  • Cook Time : 60' + 3' minutes

Instructions

  1. Per prima cosa ho preparato il soffritto per il ragù, tritando le verdure (cipolla, carote e sedano) ed il prosciutto cotto Martelli. In un tegame ho messo l'olio di girasole Agricola Grains ed ho aggiunto le verdure tritate ed il prosciutto cotto (questo preparato si chiama mirepoix grassa) facendo soffriggere a fuoco dolce.
  2. Ho quindi tolto la pelle (che è piuttosto grassa) al petto d'anatra ed ho tritato, con un tritatutto, la carne. Ho aggiunto la carne tritata alle verdure, ho insaporito con la cannella ed ho sfumato con il vino rosso Wildbacher Col Sandago, alzando la fiamma per circa un minuto.
  3. A questo punto, mescolando con cura, ho bagnato con due mestoli di brodo vegetale ottenuto con il granulato Bovis ed ho fatto cuocere per circa un'ora con il tegame incoperchiato. A fuoco spento, ho aggiunto i funghi porcini trifolati Serbosco.
  4. Mentre il ragù cuoceva, mi sono dedicata alla pasta butàda.
  5. In una ciotola ho sbattuto 4 uova con un pizzico di sale. Poi ho aggiunto la farina 00 Molino Rossetto, setacciandola. Ho mescolato con cura ed ho lasciato riposare l'impasto per circa 15'.
  6. Ho portato ad ebollizione una pentola d'acqua salata. Utilizzando un colapasta, ho fatto scendere l'impasto della pasta butàda nell'acqua bollente. Scenderanno delle gocce. Appena sono venute a galla, le ho raccolte con un colino e le ho subito fatte raffreddare in una ciotola con acqua fredda.
  7. In una pentola bassa, ho messo un paio di mestoli di ragù ricco ed ho aggiunto la pasta butàda un po' alla volta, mescolando ed amalgamando con un cucchiaio di legno. E così sino a terminare i due preparati.
  8. Per servire ho usato i vasetti in vetro, essendo la ricetta molto colorata e bella da vedere. Sul fondo ho messo la pasta butàda con ragù ricco d'anatra alla veneta ed ho decorato con i fiori eduli e con la misticanza Barduca, che hanno donato freschezza al piatto.
  9. Essendo una ricetta piuttosto saporita, i sentori di frutti di bosco, erbe aromatiche e spezie dolci del vino Wildbacher sono il perfetto abbinamento.
Print
Print Friendly, PDF & Email
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...

2 Responses to Pasta butàda con ragù ricco d’anatra alla veneta

  1. Lisa

    una ricetta deliziosa😋😋😋

    • Annalisa - Manca il Sale

      Grazie Lisa!!

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*