La cucina asburgica e il mistero della Sachertorte

foto-03-12-16-15-06-48Il pretesto per parlare della cucina asburgica è stato un invito! Eh già, un cortese invito rivoltomi da Agnese che, da qualche mese, gestisce un negozietto proprio carino nel centro di Udine, sotto i portici di Via Vittorio Veneto. Il suo negozio si chiama “Il tempo per te” e vende stampe e curiosissimi articoli da regalo.
Tra le tante stampe e riproduzioni che si trovano nel suo negozio, ce ne sono alcune che proprio mi intrigano, quelle di Gustav Klimt! C’è qualcosa di magico e misterioso nelle opere di Klimt, eccentrico pittore austriaco.
Forse il fatto che siano tutte fortemente evocative, forse il fascino dell’oro musivo (questa l’ho appena imparata: l’oro musivo è in realtà stagno colorato!), forse la storia della sua dissoluta vita. Non lo so, però sentir parlare di Klimt e delle sue opere è sempre un gran piacere. Soprattutto se a parlare di questo pittore è Vicky VicarioVicky, oltreché studiosa di numerologia ed aritmosofia, è una cara amica con la quale oltre all’amore per l’arte, condivido altre due grandi passioni: i gatti ed il cibo!

foto-03-12-16-15-07-26Da qui l’idea: e se unissimo le forze e le idee?! Così, mentre lei ha parlato di Klimt (compreso il caratteraccio e l’amore per i gatti!), io ho parlato della cucina asburgica. Di una cucina quanto mai varia (l’Impero di Franz Josef contava ben 16 popoli ed altrettante identità gastronomiche) e con dei dolci buonissimi.
Ed è proprio su uno di questi, la celeberrima Sachertorte, che aleggia pure un mistero…
Ebbene: di questa torta, che mediamente viene venduta in circa 300.000 esemplari all’anno, la ricetta è misteriosa! Non solo, la ricetta ideata dal pasticcere Franz Sacher nel 1832 è stata oggetto di contenzioso tra l’Hotel Sacher e la Pasticceria Demel, entrambi di Vienna.
Eh sì, il giovane Sacher ideò una torta a base di cioccolato fondente, marmellata di marille (aka albicocche) e glassa. Questa torta ebbe così tanto successo che il figlio di Franz Sacher iniziò a produrla presso la Pasticceria Demel, la pasticceria di Sissi. Ed in seguito presso l’Hotel Sacher, che lo stesso Eduard Sacher fondò.
Purtroppo le battaglie legali per l’utilizzo del nome “Die original Sachertorte“, andarono avanti per decenni, sino al 1963 quando il Tribunale di Vienna sentenziò che l’originalità poteva essere vantata solo dall’Hotel Sacher. E l’Hotel Sacher custodisce gelosamente la ricetta originale, che non viene divulgata!

foto-03-12-16-15-06-15

(la torta della Pasticceria Demel ha un unico strato di marmellata di albicocche ed una glassa più ricca).

La ricetta che vi propongo è stata rivisitata (per farne delle mini Sacher) dalla ricetta che tanti anni fa mi ha insegnato la maestra Gabriella!

Mini Sachertorte

By 4 dicembre 2016

foto-04-12-16-10-59-16 Ingredienti per circa 45 cupcake (diametro dei pirottini 3,5 cm.)

  • Prep Time : 30' minutes
  • Cook Time : 20' minutes

Instructions

  1. Separare i tuorli dagli albumi. Mescolare i tuorli con lo zucchero, fino ad ottenere una cremina.
  2. Far sciogliere il cioccolato (io lo faccio con il microonde!), farlo raffreddare e poi unirlo alla cremina di tuorli e zucchero.
  3. Montare gli albumi a neve ben ferma. Con tanta pazienza e con un movimento dal basso verso l'alto (altrimenti smontano...) unire gli albumi all'impasto.
  4. Setacciare la farina con il lievito, ed unirla all'impasto.
  5. Riempire uno stampo per cupcakes con il preparato. Ho utilizzato (per la prima volta in vita mia!) uno stampo per cupcakes in silicone. Devo dire che ha fatto un ottimo lavoro, le mini sacher si sono cotte perfettamente e staccate all'istante.
  6. Accendere il forno a 180° ed infornare per 20' (serviranno più infornate... o più stampi, vedete voi!).
  7. Sfornare le mini Sacher e far raffreddare.
  8. Una volta fredde, praticare un foro al centro delle tortine e riempirlo con la marmellata di albicocche, poi ricoprirle sempre con la marmellata.
  9. Infine preparare le glassatura: far bollire in un pentolino l'acqua con lo zucchero per circa 3-4 minuti (si otterrà una specie di sciroppo). Spegnere il gas ed aggiungere la panna e il cioccolato a pezzetti. Far fondere ed amalgamare il tutto mescolando velocemente. Infine aggiungere la colla di pesce, fatta precedentemente idratare in acqua fredda.
  10. Coprire le mini Sacher con la glassa e mettere al fresco!
  11. Preparare i pirottini! Mettere una mini Sacher in ogni pirottino (saranno più semplici da servire e da mangiare).
  12. Visto che la serata era dedicata a Klimt, ho cosparso le mini Sacher con polvere d'oro alimentare! Bellissime e molto klimtiane!
Print
Print Friendly, PDF & Email
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...

2 Responses to La cucina asburgica e il mistero della Sachertorte

  1. Francesco

    Ciao articolo interessantissimo, davvero un bel blog..di ispirazione!passa da me se puo farti piacere accetterei bel volentieri dei consigli per migliorarmi e chissa un giorno arrivare a questo livello, il tuo!

    • Annalisa - Manca il Sale

      Grazie Francesco, sei molto gentile! Passo volentieri a dare un’occhiata! :-)

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*