Filetto alla Wellington

2014-10-21 20.34.13Wellington era un generale inglese, anche piuttosto bravino visto che sconfisse Napoleone a Waterloo! Però (così dicono) doveva essere di gusti un po’ difficili… almeno in cucina. Fatto sta, per accontentare il suo esigente palato, il cuoco gli preparò e dedicò questo piatto: il filetto alla Wellington!
Ho anche letto che questa ricetta si chiama così perché la forma ricorda gli stivali “Wellington” (che devono anch’essi il nome al suddetto generale…); personalmente la forma del filetto non mi ricorda affatto quella di uno stivale, e preferisco credere alla versione del palato difficile!

Anche se all’apparenza può sembrare un piatto complicato, nella realtà è una ricetta davvero semplice da preparare e di sicuro effetto! E… ci si mette davvero poco tempo (in un’occasione, le mie amiche si sono stupite del fatto che andassi a preparare il filetto in crosta dopo essermi attardata all’aperitivo post lavoro!).
Ma c’è da dire che, il filetto alla Wellington si prepara piuttosto velocemente e mentre cuoce nel forno, si ha il tutto il tempo di farsi una doccia e di apparecchiare la tavola.
Quella sera, comunque, lo avevo fatto “furbo” limitandomi a rosolare il filetto (5 minuti), per poi cospargerlo di senape (1 minuto), quindi avvolgerlo con delle fette di prosciutto cotto (1 minuto), per poi avvolgerlo nuovamente con la pasta sfoglia (1 minuto), ed infine 35 minuti di cottura in forno: insomma in poco più di mezz’ora era pronto!!

La ricetta “ufficiale” che ho riprodotto vuole anche i funghi, che devono essere fatti cuocere prima in padella… ma pur con l’aggiunta di questo ingrediente rimane un piatto semplice e veloce.

Filetto alla Wellington

By 24 Ottobre 2014

Dose per 6 persone

  • Prep Time : 50 minutes
  • Cook Time : 35 minutes

Instructions

  1. Pulire ed affettare i funghi champignon. Farli cuocere in una padella appena unta d'olio evo, salarli, peparli e portarli a cottura (per capire quando sono pronti: assaggiarli! Comunque ci vogliono circa una decina di minuti). A fuoco spento cospargerli con il prezzemolo tritato e farli raffreddare. Una volta raffreddati, tritarli grossolanamente.
  2. Intanto rosolare la bestia... ehm, il filetto!
  3. Per rosolarlo (e quindi fargli chiudere per bene i pori, in modo che i succhi rimangano all'interno) io scaldo per benino la padella e quando è rovente appoggio la carne (senza condimenti quindi). Sale e pepe. Con l'aiuto di una pinza lo giro, da tutti i lati in modo che si rosoli uniformemente. E' un'operazione che richiede pochi minuti, perché si deve solo rosolare e non cuocere!
  4. In una terrina mettere i funghi, un tuorlo d'uovo, un cucchiaio di pan grattato e due cucchiaini di senape di Digione (io utilizzo quella della Maille... francese, ma la si trova anche nei nostri supermercati... il mio vasetto però me l'ha portato da Parigi la mia amica Paola!), e mescolare.
  5. Stendere il rotolo di pasta sfoglia (io uso quella pronta... ok, sarebbe meglio quella fatta in casa! Ma quella pronta è tanto pratica... altrimenti non sarebbe più una ricetta veloce!). Con l'aiuto di una spatola, stendere il miscuglio di funghi sulla pasta sfoglia nella maniera più uniforme possibile. Quindi adagiarvi il filetto rosolato. Facendo attenzione a non rompere la pasta sfoglia, avvolgerla attorno al filetto. Sigillare i bordi.
  6. Adagiare il filetto con la sua crosta nella teglia, avendo cura di ungerla prima un pochino. Con un coltello affilato incidere la superficie della sfoglia (effetto "caminetto": così uscirà il vapore che si forma all'interno della crosta, mantenendo asciutta e morbida la carne).
  7. Con il tuorlo d'uovo avanzato, spennellare la sfoglia: così in cottura assumerà un bel colore dorato.
  8. Infornare, con il forno già caldo, a 200° per 15' e poi per ulteriori 20' a 180°.
  9. Sfornare e, con l'aiuto di un coltello elettrico (si può usare un comune coltello da cucina ma, con il coltello elettrico le fette verranno perfette perfette e uguali uguali) affettare il filetto alla Wellington e disporlo sul piatto di portata.
  10. L'ultima volta che ho preparato questa ricetta, ho servito il filetto alla Wellington con delle patate e dei cavolfiori al vapore. Ma un altro ottimo contorno per questo piatto è il purè.
Print
Print Friendly, PDF & Email
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

20 − venti =